martedì, marzo 07, 2006

L'asino d'oro di Apuleio

Sono rimasto molto colpito da questo libro,poichè pensavo che fosse il solito romanzo storico noioso,che avrei letto con molto fatica.Vi prego di compatirmi ma dopo le letture di romanzi come i Promessi Sposi,a mio avviso solo in alcuni punti piacevole e la Chimera,ho avuto qualche perplessità.Perplessità infondate fortunatamente:infatti iniziando la lettura,ho subito capito che non si trattava del solito romanzo storico.La storia narrata da Apuleio mi è piaciuta molto,inoltre mi ha colpito il carattere del protagonista Lucio.Ritengo sia un personaggio molto furbo,curioso e intelligente,questo lo si può notare dal comportamento che lui ha durante le sue avventure da asino.Vi starete chiedendo "perchè da asino?".Da asino perchè spinto dalla curiosità nei confronti delle arti magiche riesce a corrompere la serva di Milone,da cui è ospitato,Fotide.Lucio dopo aver instaurato un rapporto di amore con Fotide,le chiede di assistere ai riti magici,che la moglie di Milone Panfile,compiva di notte.Essa accetta e lo conduce alla stanza dei riti,nella quale Lucio osserva la metamorfosi di Panfile in gufo.Preso dalla curiosità,chiede a Fotide di dargli una pozione in grado di farlo mutare in uccello,ma per errore la pozione lo trasforma in asino.Fotide cerca di tranquillizzare Lucio,ormai incapace di parlare ma solo di pensare da uomo,portandolo alla stalla e dicendogli che sarrebbero bastati dei petali di rosa per ritrasformarlo .Ma Lucio viene rapito da dei briganti e da questo momento iniziano le sue avventure da asino.Nel romanzo si trovano alcune storie,secondo me inserite da Apuleio per distaccare ogni tanto il lettore dalla storia principale,tra cui troviamo la più celebre Amore e Psiche.Il romanzo si conclude con la ritrasformazione di Lucio in uomo,grazie all'aiuto della dea Iside che gli comunica che nella processione dedicata a lei il giorno seguente il suo sacerdote avrebbe avuto in mano una corona di rose e così, Lucio avrebbe dovuto soltanto avvicinarsi e mangiarla.Dopo essere ritornato alla vita normaleLucio,continua a fare l'avvocato nel Foro e diventa decurione quinquennale cioè la persona con il grado più alto fra i sacerdoti di Iside.

 

 

1 Comments:

At 15/3/06 21:58, Blogger marianna said...

Ho trovato questo romanzo storico molto diverso dai romanzi storici letti in passato, i racconti inseriti all' interno sono interessanti e coinvolgenti. Tuttavia l' ho trovato noioso e ripetitivo nella storia principale, infatti appena mi appassionavo alla storia e al suo sconvolgimento, nei momenti in cui l' asino riusciva a fuggire, la narrazione ricominciava con l' acquisto dell' asino da parte di un nuovo padrone.Per quanto riguarda il finale posso dire di averlo apprezzato poichè non era stato anticipato e quindi mi è sembrato sorprendente.

 

Posta un commento

<< Home