martedì, dicembre 19, 2006

"Il Circolo Dante" di Matthew Pearl


"Il Circolo Dante" è il primo libro di Matthew Pearl, uno scrittore emergente e a mio parere molto abile nell'arte della scrittura. Questo libro intreccia realtà e invenzione sulla prima traduzione americana del capolavoro di Dante Alighieri, la "Divina Commedia". Un gruppo di intelletuali di Boston (tra i quali figura anche il celebre poeta Longfellow) , nel 1865, si riunisce regolarmente nel tentativo di tradurre il famosissimo scritto del poeta fiorentino. Improvvisamente Boston viene sconvolta da una serie di efferati omicidi solo in apparenza scollegati tra loro. Quando i membri del Circolo riescono a vedere i cadaveri, capiscono subito che le vittime sono state assasinate secondo le informazioni che Dante fornisce riguardo alle pene patite dalle persone che lui incontra nei gironi infernali. Solo grazie al loro infallibile intuito e a rischio della loro stessa vita riusciranno a scoprire chi si cela dietro gli scellerati omicidi.
Matthew Pearl offre in modo impeccabile un'ottima visione della vita che si viveva in America nella seconda metà del 1800: ambientazioni e usi dell'epoca sono forniti infatti in modo nitido e chiaro dall'autore del romanzo. Il ritmo è incalzante e tiene i lettori nel dubbio fino agli ultimi capitoli, dove viene svelato l'assassino e i suoi pensieri. L'ho trovato un thriller molto interessante perchè la mente che si cela dietro al libro descrive i personaggi, le loro vite, le loro azioni in modo tale da renderti presente, partecipe in ogni momento. Vi consiglio di leggerlo, se non volete perdervi un thriller ben strutturato e intrigante (io stesso non sono riuscito a scoprire l'assasino fino alle rivelazioni finali!).