martedì, gennaio 23, 2007

27 Gennaio: giorno della memoria


Il 27 gennaio si celebrerà il giorno dedicato al ricordo dell' olocausto. L'olocausto è in parole povere lo sterminio e la persecuzione di milioni di ebrei ad opera della germania nazista durante la seconda guerra mondiale. Milioni di ebrei sono stati catturati dai soldati nazisti e rinchiusi senza apparente motivo in campi (che i tedeschi chiamavano campi di lavoro) di sterminio dove tutti o quasi tutti perirono di una misera morte. Nei campi di sterminio morirono circa 6 milioni di persone catturate rispettivamente dalla polizia segreta di Hitler, la GESTAPO e dalle "forze speciali" tedesche, le cosiddette SS. La vita media di un deportato ad Auschwitz durava circa un anno, alla scadenza del primo anno di soggiorno il deportato veniva sistematicamente avviato alle camere a gas; poi dopo l'inizio della seconda guerra mondiale, data la mancanza di forza lavoro in Germania, Hitler decise di allungare la vita media di un deportato a 2 anni. Nei campi di sterminio venivano avviati tutti quelli che erano considerati "pericolosi per la società". Inizialmente venivano deportati solo gli ebrei poi questo obbligo fu esteso a rom, slavi, dissidenti politici, prigionieri di guerra, omosessuali e portatori di handicap. L'olocausto è oggi considerato una delle più grandi piaghe che hanno colpito il mondo negli ultimi 100 anni, ma nonostante l' esistenza dei campi di concentramento sia stata provata comefatto certo mi sconvolge pensare che c'è ancora qualcuno che non crede all'effettiva esistenza dei campi; e tutto ciò mi fa ribrezzo...