martedì, gennaio 09, 2007

Il vecchio che leggeva romanzi d'amore



Questo libro narra la storia di Antonio Josè Bolivar ,un vecchio caratterizzato dalla sua passione , i romanzi d'amore.
Egli infatti passa intere ore leggendo questi romanzi portatigli dal dentista del posto , un uomo perennemente infuriato con il governo.
La vicenda si svolge nella foresta amazzonica ed inizia col ritrovamento di un cadavere coperto di enormi squarci. Ed è qui che arriva Antonio Josè Bolivar che guardando nello zaino del gringo divorato trova ciuffi di pelo di tigrillo e capisce che ad ucciderlo è stata una femmina di questa razza impazzita dal dolore poichè i gringos le avevano ucciso un cucciolo. Antonio Josè Bolivar allora decide di andare a caccia di questo animale , che essendo furente dal dolore non distingue più niente e uccide chiunque. Nel libro poi vi sono varie digressioni sulla vita di Antonio Josè Bolivar , di quand'era arrivato a El Idilio con sua moglie.
Verso metà libro inizia la sfida tra il tigrillo e Antonio Josè Bolivar che alla fine prova persin pena per quel povero animale e decide di tornare ai suoi romanzi "che parlavano d’amore con parole così belle che a volte gli facevano dimenticare la barbarie umana".

La parte di questo libro ce m'è piaciuta di più è quando Sepùlveda descrive il modo di leggere di Antonio ossia , prima legge la parola poi la ridice più volte per catturarne l'essenza fino ad arrivare all'ultima parola della frase che ripete come le parole fino a coglierne il vero significato.

 

 

1 Comments:

At 9/1/07 15:03, Blogger Bianca said...

L'ho letto e non mi ricordo assolutamente come continua nè come va a finire... Devo riprenderlo.

 

Posta un commento

<< Home