domenica, gennaio 07, 2007

La casa degli spiriti

La storia, ambientata nell'America latina di inizio secolo, è incentrata sulle vicende della famiglia Trueba e Del Valle che si intrecciano con un secolo di storia civile e politica del Cile. Il racconto si snoda attraverso diverse generazioni di quattro donne che dimostreranno di avere forza, coraggio e passionalità: Nivea, Clara, sua figlia Blanca e, infine, la nipote Alba. E sono proprio loro con questi nomi che evocano purezza, chiarore, luce e calore, ad essere le protagoniste indiscusse di questo romanzo. Raccontare la trama è molto difficile perché gli avvenimenti si succedono in maniera incalzante e soprattutto risultano concatenati l'uno con l'altro.La saga familiare ha inizio con Nivea Del Valle, la capostipite, quella che rappresenta la generazione passata, con una grande devozione al marito, e un punto di riferimento per le figlie. Il centro di tutto però è Clara, la figlia un po' stramba di Nivea, la fanciulla accusata di stregoneria dal parroco, Clara che anima la casa e la vita dei suoi congiunti, Clara che parla con gli spiriti, Clara che predice il futuro.... Una vita caratterizzata dall'amore con Esteban che in realtà non riuscì mai completamente a conquistare il suo cuore. Infatti mai persone furono più lontane in corpo e in spirito come Esteban e Clara. Il primo rabbioso, conservatore, violento, passionale, terreno e crudo, fa quasi tenerezza nei suoi tentativi di trovare l'amore della moglie, eterea, quasi impalpabile, completamente disinteressata agli affari di questo mondo,ed in continuo dialogo con i suoi spiriti guida,ma anche concreta,dolcissima e umana nel momento del bisogno. Clara sapendo guardare al di là del reale e del tempo, in un certo senso diventa lo spirito guida di Esteban. Il frutto della loro unione è Blanca e, più tardi, lo sono i gemelli Jaime e Nicolas. Le vicende, gli amori proibiti di questi personaggi si intracciano coinvogendoti e ti lasciandoti con il fiato sospeso fino alla fine.