giovedì, maggio 31, 2007

Messaggio semi-importante (?!?)


Apre finalmente (forse è un po' tardi!!?) il forum semi-ufficiale della IV I...

Da tempo con altri collaboratori gestisco un forum che tratta liberamente di vari argomenti; ora ho definitivamente deciso di aprire una sezione dedicata e privata (protetta da password) esclusivamente x i membri della nostra classe ed eventuali amici o chiunque ne abbia voglia(e sproloquiatori inclusi...eh eh).
La registrazione è molto semplice (molto d + di quella di Blogger): infatti è sufficiente clikkare qui (edenplanet.forumfree.net) e seguire i poki semplici passi per essere subito registrati GRATUITAMENTE... provare per credere... ad esempio mato, fra' e ga' c sono già riusciti, mancate solo voi! x qulasiasi informazione rivolgersi a me tramite e-mail oppure sul mio blog o sul mio forum.
Una volta registrati sarete liberi di postare SEMPRE e comunque tutto cio che vorrete, per accedere alla nostra sezione (::::C.Cavour - IV I::::) kiedetemi pure info e di qualsiasi cosa dubitate!!!!!
SIETE TUTTI INVITATI! (:::NO SPAM:::)

 

 

mercoledì, maggio 23, 2007

Dorian Gray è l'amore visto da O. Wilde


In questo post voglio analizzare e commentare l'amore tra Sibyl Vane e Dorian Gray, che mi è parso molto psicologicamente affascinante.



Dorian si era innamorato di Sibyl, vedendola recitare: una ragazza bellissima, piena di talento, a suo parere un genio. Si era innamorato di questa piccola e gracile diciassettenne conoscendola decisamente poco. Agli occhi di lei, lui era apparso un angelo, o come lei stessa lo chiama, un principe azzurro.



Dorian a questo punto è animato da un amore particolare: non definibile semplicemente superficiale, ma di una profondità del tutto diversa da ciò che si intende. Egli ama la ragazza nel suo mutare da una sera all'altra, è affascinato dal suo talento più che dalla sua bellezza. Da parte sua lei lo ama principalmente, non è scritto ma si capisce dalle sue parole, per la dolcezza che lui dimostra nei suoi confronti, la sua bellezza. Ma alla fine è questo amore improvviso che ha la meglio su quello più "meditato" di Dorian, che va a vederla tutte le sere.



E' un amore così improvviso ma così assurdamente sincero, un colpo di fulmine, che ricorda vagamente quello tra Romeo e Giulietta, a cui in questi capitoli Oscar Wilde fa riferimento più volte. Un amore che si conclude quasi allo stesso modo; "quasi" perché la crudeltà di Dorian non permette la conclusione di un amore così romantico: la morte dell'una non ha ottenuto la morte dell'altro.



E' alla fine un amore cinico e superficiale, come del resto tutta la filosofia di Oscar Wilde, che è evidentemente espressa attraverso le parole di Harry Wotton.
NB: il tipo nella foto è un modello che secondo me è stupendo e che rispecchia proprio la descrizione che Wilde fa di Dorian...

 

 

martedì, maggio 15, 2007

Love For Shakespeare


La sottoscritta ha scoperto la genialità di Shakespeare l'anno scorso, leggendo, così un po' per sfizio, "Romeo E Giulietta". Poi affascinata, è passata ad "Otello", "Amleto", i Sonetti, "Re Lear", "Macbeth"...
Seppur estasiata dalla lettura in classe di "Sogno di Una Notte di Mezza Estate", non parlerò di questa fantastica commedia (tanto l'ha già fatto Fotty!ops, ELENA) ma de "Il Mercante Di Venezia", or ora finito di leggere.
La commedia inizia con la richiesta di un prestito ad Antonio, ricco mercante, da parte di Bassanio, suo caro amico, che è finito in bancarotta. Bassanio ha bisogno di soldi per poter sposare Porzia e Antonio, poiché non aveva soldi in quel momento e perché attendeva il guadagno di molte navi che dovevano arrivare in porto, chiese un prestito all'ebro Shylock, il quale lo odiava. Quindi nel contratto decisero che se entro tre mesi Antonio non avesse pagato il debito, Shylock gli avrebbe preso una libbra di carne nel punto che lui preferiva. Il contratto fu firmato, ma tutte le navi di Antonio che dovevano arrivare entro due mesi naufragarono e nel frattempo la figlia dell'ebreo, Jessica, fuggì con il suo fidanzato, Lorenzo, portando nella disperazione il padre. Al terzo mese Bassanio era riuscito ad ottenere la mano di Porzia, ma il tempo ormai era scaduto, ed Antonio, mentre Bassanio era a Padova con la moglie, era al cospetto del doge a pagare il debito di carne che doveva all'ebreo.

La situazione, come in ogni commedia, si risolve per il meglio, ma non voglio rovinarvi nulla, anche perché tutto ciò che è stato scritto da Shakespeare è più che degno di essere letto.

 

 

Amato Shakespeare


Durante questo mese mi sono dedicata alla lettura di Shakespeare.Non credevo che mi sarebbe piaciuto tanto.Con la classe stiamo leggendo Sogno di una notte di mezza estate,una commedia che mi sta piacendo molto,sia per lo stile che è semplice e divertente,sia per la storia che è proprio comica.La figura che preferisco è Puck,folletto dispettoso al servizio di Oberon,re delle fate.Trovo sia un personaggio molto simpatico anche perchè anch'io provo gusto a fare innocenti dispetti e scherzi agli altri!!!

Sto anche leggendo una tragedia di tale autore,Machbet,sono ancora all'inizio,ma la storia mi incuriosisce,soprattutto come Machbet riuscirà a tenersi la corona usurpata con l'omicidio e quindi anche sapere come finirà,visto che è una tragedia. Le due opere presentono modi di scrivere diverso e anche le sensazioni che mi trasmettono sono diverse:da una parte spensieratezza e vogli di essere nel libro,dall'altra angoscia e contentezza di non trovarmi lì.E per quest'estate mi piacerebbe leggere ancora qualcosa di Shakespeare,magari il tanto amato Romeo e Giulietta...

 

 

Jeffre Star



Non credo che molti di voi conoscano Jeffree Star ed è per questo che ho deciso di dedicargli un post oltre che per il fatto che è uno dei miei idoli.Jeffree Star è stato incoronato regina del web grazie al suo visistatissimo e conosciutissimo Myspace. ( www.myspace.com/jeffreestar )Jeffree non nacque bello e per questo si rifugiò sin da ragazzino nei trucchi della madre dove trovò la sua vocazione.Iniziò ad andare in giro per locali sfoggiando il suo make up spettacolare e per questo incontrò molte celebrità che gli diedero il loro numero per potersi fare truccare da lui.Così mentre gli altri ragazzini andavano a scuola e lavoravano lui truccava le star per i loro video musicali guadagnando tonnellate di soldi. Molte donne sono invidiose di jeffree star poichè è migliore nell'aspetto ed è decisamente più sexy di loro. Tutti vogliono farsi una foto con Jeffree Star che ormai è più famoso delle star musicali e vende più trucchi della Revlon.


Io lo ammiro per il modo di vestirsi completamente libero dalla moda e poi perchè condivide con me la passione per hello kitty e i gloomy bears =]


[ By Toilet Monster. Il mio account non funziona ]




 

 

. Death Note .

Essendo io un'appassionata di manga, ed essendomi stancata delle solite (ed abbastanza scontate) commediole romantiche, sto esplorando da un anno a questa parte nuovi generi, direi più stimolanti.
Un manga ancora in uscita e molto interessante è Death Note, letteralmente "Quaderno della Morte".
Light è un giovane studente universitario, disgustato e annoiato dalla società attuale. Un giorno entra per caso in possesso di un quaderno, appunto il Death Note. Esso appartiene in realtà a Ryuk, uno Shinigami (spirito della morte). questo quaderno ha una grande potenzialità. Scrivendovi sopra il nome di una persona si può determinare la morte della persona stessa. Comincerà così la sua opera di pulizia del mondo da tutti quei malviventi che lo infestano, a partire ovviamente dal Giappone. Ben presto però la polizia si accorgerà di queste morti sospette e assolderà un eccentrico detective che si fa chiamare L, per fermare Kira, cioè Light (Kira è la pronuncia giapponese di Killer, ed è il modo con cui le persone su internet si riferivano a lui scambiandosi opinioni sui misteriosi omicidi). Inizierà così una sfida tra loro due per dimostrare chi è il più intelligente. Con il passare dei volumi si aggiungeranno personaggi e la storia si intricherà ancora di più...
il disegno è accurato, piacevole ma anche molto ben strutturato (si vede che l'autore conosce bene le tecniche di disegno). Non ci sono cali di tensione e le vignette sono concatenate l'una all'altra in modo, direi, buono. Il cordone narrativo non si strappa e il manga risulta nel suo complesso un'ottima opera.
Il manga, creato da Tsugumi Ohba, è composto da dodici volumi ed è pubblicato in Italia da Planet Manga (3, 90 €, se ben ricordo). Consiglio però agli interessati di aspettare giugno per prendere la prima ristampa del primo numero, in quanto la prima edizione originale è andata purtroppo esaurita, e come ho appurato al Torino Comics, le fumetterie non lo fanno pagare meno di 20 - 30 € (anch'io manco del primo numero, purtroppo...). Nelle fumetterie molto fornite si possono anche trovare vari gadget ispirati al manga, per esempio il famoso Death Note (prezzo non rilevato).
Buona lettura agli interessati! =)

 

 

Danny il campione del mondo

La vicenda è ambientata in Inghilterra, Intorno agli anni '40 del ventesimo secolo. Il protagonista è Danny, un ragazzino di nove anni, orfano di madre, che vive insieme al padre in un carrozzone da zingari vicino alla pompa di benzina e all'officina gestiti dal padre stesso. Per Danny il padre è la più importante figura di riferimento, perchè per nove anni è riuscito ad educarlo come si deve e ad insegnargli ad essere onesto e ad amare il proprio lavoro. Ma una sera Danny scopre che il padre non è nel carrozzone, e viene preso dal panico. Il padre tornerà circa due ore dopo, con una gamba zoppicante. Sarà costretto a rivelare al figlio dove era stato quella notte: Danny apprende così che il suo amato padre passa le notti cacciando di frodo nel bosco del signor Hazell, uno dei più antipatici ricchi proprietari terrieri del paese, e che questa "passione" era condivisa da tutti gli abitanti del circondario, compreso lo sceriffo, amici su cui il padre di Danny poteva sempre fare affidamento in caso di bisogno. Danny è folgorato da questa notizia, ma viene subito contagiato da tale attività, tanto che inventerà lui stesso un metodo di cattura dei fagiani, un metodo a cui suo padre non pensò mai: l'addormentare i fagiani con piccole quantità di sonnifero inserite in semi di uva passa gonfiati dall'acqua. Con questo metodo riusciranno a catturare circa duecento fagiani, la notte che precedeva una grande battuta di caccia organizzata da Hazell. Ma i fagiani si sveglieranno prima del previsto, e a Danny e suo padre ne rimarranno solo più una decina. Ciononostante non si perderanno d'animo, consci che i prossimi tentativi andranno megio. Il libro sottolinea il legame fra padre e figlio, nel bene e nel male, una caratteristica che oggi è decisamente più affievolita, soprattutto nei grandi contesti urbani.

 

 

lunedì, maggio 14, 2007

ehi!!! cucù!

ma perché su questo blog ultimamente non scrive/commenta mai nessuno? dove sono andati tutti?!?!?!O_o

 

 

domenica, maggio 13, 2007

The Hearth of Everything


Inizio 2007, uscita dell'ultimo cd dei within temptation, gruppo gothic metal olandese.

Il gruppo nasce nel 1997, anno in cui incidono il loro primo disco, "Enter", seguito da "Mother heart", nel 2000, e "The Silent Force", nel 2004, fino ad arrivare all'ultimissimo "The Heart Of Everything". Il vero successo arrivò per loro con il secondo album, il cui singolo, Ice Queen, fu primo nelle vendite in Olanda e Belgio, e si confermò poi con "The Silent Force", col cui album raggiunsero il successo in tutta Europa.

The Heart Of Everything (uscito il 9 marzo) afferma e ribadisce il talento di questo sestetto olandese, con un cambiamento, un'evoluzione, che si riscontra in tutti i gruppi metal da un album all'altro.

Qui la voce dell'affascinante vocalist, Sharon den Andel, raggiunge toni mai uditi prima dalla stessa, la sua tecnica è evidentemente migliorata, poiché non si sentono più i respiri che prende e riesce a cantare molti più versi senza prendere fiato. I testi, scritti da lei, toccano comunque gli stessi temi, la guerra, l'amore, la sua filosofia di vita.
Anche le melodie sono mutate: i riff sono molto più complessi e meno banali, la batteria è più evidente e sono comparse parti corali (evidenti soprattutto in "Our Solemn Hour", il cui ritornello è metà in latino e metà in inglese).

Consiglio a tutti gli amanti del gothic metal di comprare questo disco, di sicuro non ne rimarranno delusi.


[tracklist:The Howling, What Have You Done (feat. Keith Caputo), Frozen, Our Solemn Hour, The Heart of Everything, Hand Of Sorrow, The Cross, Final Destination, All I Need, The Truth Beneath The Rose, Forgiven]

 

 

venerdì, maggio 11, 2007

Pennac- la prosivendola

Terzo libro della saga Malaussene.
Nella vita (comune?) della tribù di selbeville si aggiunge un personaggio, un uomo innamorato della sorella sorella preferita di Benjamin, Clara.Ma sorge un problema: l'uomo è un sessantenne che gestisce una prigione, dove i prigionieri sono liberi di fare tutto ciò che vogliono.
Ben ovviamente non è daccordo, e questo suo rifiuto caratterizza tutta la sua vita, privata e non: difatti, in un attacco di nervi, si licenzia,e in un altro litiga con la sua amante, Julie.
Nonostante ciò, Clara decide di sposarsi, e,fra i vari attacchi isterici del fratello, raggiunge la chiesa dove deve sposarsi (all'interno della prigione),ma qui sorge un altro problema: il marito di Clara viene trovato morto.
Nasce quindi un giallo su chi abbia ucciso il marito di Clara, e al contempo Malaussene deve gestire tutte e problematiche che nascono da questo terribile lutto...

Un libro molto intrigante, che lancia il lettore in un mondo talmente assurdo da fargli ricordare quello reale, rendendolo partecipe a tutti i confusissimi pensieri di Malaussene, e appassionandolo.
Consiglio comunque una lettura ordinata del ciclo di libri, in quanto, anche se si capisce la storia,si perdono i meccanismi e gli intrecci che particolareggiano il racconto.

 

 

Dracula, epopea del terrore

Chi scoprì per primo la terribile storia del celebre conte Dracula, che regnava in Transilvania? Le origini della sua tragica storia si possono trovare nel libro di Bram Stoker "Dracula", che è il primo che parla di questo argomento. La storia comincia con il viaggio di Johnathan Harker verso Borgo Pass, in Transilvania, dove abita l'eccentrico conte Dracula, che vuole acquistare alcune proprità sparse in alcune aree popolose di Londra. All'interno del suo castello, Johnathan vive alcune esperienze terrificanti, e vede anche la vera natura del conte: un vampiro che controlla le condizioni atmosferiche e tutti gli animali, e che ha tre sorelle che ogni sera bramano sangue giovene e fresco. Prima di partire, l'essere mostruoso cerca di imprigionare l'avvocato Harker nella sua fortezza, ma questi riesce infine a scappare e a riugiarsi in un monastero, dove suor Agatha fa inviare una lettera alla sua fidanzata con su scritto che deve venire subito e che si devono subito sposare là per evitare futuri pericoli. La fidanzata Mina Harker arriva subito, lasciando a Londra in un paese vicino Londra la sua ricca amica Lucy Westenra. Questa viene morsa, dopo la partenza della persona a cui era più legata (Mina), da una strana belva che le succhia il sangue dal corpo. All'inizio John Seward, dottore di Lucy, Quincey P. Morris, avventuriero amico della ragazza, e Arthur Holmwood, ricco ereditiere legato da profonda amicizia alla fanciulla (tutti e tre suoi amanti, ma lei era stata promassa in sposa solo al terzo), non vogliono credere a questa versione, ma vengono ben presto convinti da Abraham Van Helsing, insegnante e mentore di Seward: il dottor Van Helsing riesce a dimostrare questa orrenda verità dopo la morte della giovane da lui curata (Lucy), che si trasforma appunto in vampiro. Comincia allora la caccia al tremendo essere che l'aveva così ridotta, che coinvolgerà al loro rientro anche Johnathan e Mina Harker. Quando quest'ultima diventa anch'essa vittima del mostro in una spirale che sembra essere infinita, il gruppo agisce e distrugge tutte le casse (il vampiro infatti può rigenerarsi solo se riposa nella terra del suo Paese natio) presenti a Londra. Dracula scappa e lo scenario ritorna di nuovo in Transilvania, dove finalmente le persone guidate da Van Helsing riescono ad uccidere il temibile vampiro e a porre fine alla sofferenza di Mina.
Quest'appassionante storia si svolge attorno ad esseri che solo la nostra immaginazione può tollerare, e che all'inizio anche gli stessi personaggi del libro non sono disposti ad accettare.
La particolarità di questo libro è la sua struttura epistolare, o che comunque si avvicina molto a questo genere: è infatti composta da lettere, diari, memorandum e diari orali registrati attraverso il grammofono.
Bram Stoker riesce a dare al suo libro (il primo che tratta del temibile vampiro) un'atmosfera di attesa, quasi di angoscia, grazie anche alla struttura che ha voluto conferire al suo romanzo. Mentre lo leggi il lettore si sente infatti cinvolto nelle vicende dei personaggi, poichè viene a sapere le sensazioni dei questi ultimi attraverso i loro scritti, quasi fosse il loro confidente.
Il risultato è un'opera favolosa e intelligente, degna di essere letta.

 

 

Arancia Meccanica - Anthony Burgess


"There was me, that is Alex, and my three droogs, that is Pete, Georgie, and Dim, and we sat in the Korova Milkbar trying to make up our rassoodocks what to do with the evening. The Korova milkbar sold milk-plus, milk plus vellocet or synthemesc or drencrom, which is what we were drinking. This would sharpen you up and make you ready for a bit of the old ultra-violence."

- A Clockwork Orange, S. Kubrick, 1971

Alex è un quindicenne inglese i cui interessi, per citare la locandina del celebre film del 1971, sono lo stupro, l'ultraviolenza e Beethoven.
Il libro, di Anthony Burgess, è suddiviso in tre parti, ognuna in sette capitoli; in totale sono ventuno, cioè l'età della maturità dell'uomo, ed è scritto usando un gergo particolare, che probabilmente vuole ricalcare le parlate dei giovani. La storia, raccontata dallo stesso Alex, narra per prima cosa le violenze sue e dei suoi drughi nel giro di una notte. E' un giro allucinante di cattiverie e bestialità, che però saranno necessarie per comprendere il vero messaggio del libro.
Il Nostro Umile Narratore (alias Alex), essendo stato tradito dai suoi compari ed avendo compiuto, seppur involontariamente, un grave delitto, verrà preso dalla polizia e mandato in carcere; dopo due anni di permanenza alla vecchia Prista (la Prigione di Stato), che non hanno fatto altro che peggiorarlo, verrà provato su di lui il metodo Ludovico, un metodo innovativo che permetterebbe ai detenuti di non tornare mai più in prigione. Ma ad un prezzo molto alto... La propria libertà di scelta. E' proprio su questo tema che si imposta il libro.
E' meglio che un uomo compia il male per sua libera scelta, oppure che compia il bene poiché costretto? E' un tema della massima importanza, secondo me. Se un uomo non può più scegliere non è più un uomo. Per quanto Alex sia cattivo e diabolico, è giusto arrogarsi il diritto di mettere le mani nel suo cervello e togliergli il libero arbitrio? Lasciarlo indifeso e scoperto, incapace di reagire e difendersi con la violenza ad una provocazione e ributtarlo nel Vasto Mondo? Si può ritenere di averlo veramente "guarito", o è forse meglio dire che lo si ha solamente costretto a fare del bene? E' con queste domande che l'autore guida il romanzo.
Il libro si chiude in modo rassicurante e forse ottimistico.
Io l'ho trovato ottimo.
Si potrebbe paragonarlo a 1984 di George Orwell, o forse lo si potrebbe classificare anche come romanzo di formazione. E' un libro che merita un posto tra i classici e che possiede un tema veramente importante all'interno.
Il titolo, molto curioso per la verità, viene da un'espressione che Burgess nel 1945, tornando dal fronte, aveva sentito dire in un bar da un cockney inglese: "As queer as a clockwork orange", strano come un'Arancia ad Orologeria (o un'Arancia Meccanica). L'autore afferma che non abbia un particolare significato.
Il film di Kubrick è straordinariamente complementare al libro, anche se il finale è decisamente satirico (l'ultimo capitolo originale mancava nella prima edizione americana).

 

 

giovedì, maggio 10, 2007

Welcome to fabulous...Area 51

Esiste veramente una forma di vita sviluppata nello spazio? da anni gli scienziati cercano di darsi una risposta ma tutto quello che ottengono sono risultati inconcludenti o teorie prive di fondamento. il luogo, forse l'unico, in cui si possono trovare risposte attendibili è l'Area 51: misteriosa e altrettanto discussa, relativamente alla sua esistenza, area militare sperduta, si suppone, nel deserto del Nevada.
La base è molto nota per l'attenzione ad essa dedicata da parte degli ufologi, i quali sostengono che il governo degli Stati Uniti d'America ha o avrebbe avuto contatti con extraterrestri, mantenuti per diverse ragioni all'oscuro dell'opinione pubblica generale.
Il Segreto militare fa sì che poco si sappia sui lavori effettuati all'interno dell'area 51. Gli ufologi tuttavia sostengono di aver ricevuto informazioni da scienziati e militari che avrebbero lavorato ai progetti segreti e poi disertato scomparendo dalla circolazione e successivamente rivelato al mondo i segreti della base.
Tra gli scienziati, il più importante a livello di informazioni sarebbe Bob Lazar che avrebbe affermato che nell'Area 51 si lavorava a velivoli a propulsione gravitazionale di origine aliena e che lui stesso avrebbe lavorato direttamente su un disco alieno "toccandolo con mano". Dagli Anni 1980 si continuerebbero a osservare numerose attività e avvistamenti luminosi nei cieli del Nevada sopra l'area 51.
Da queste poche e modeste informazioni ci aspettiamo di aver quantomeno acceso in voi la scintilla della curiosità, pertanto vi invitiamo, per quanto possibile, ad aprire una calorosa discussione in merito....

Autori: fmx's_12 - Gabry $ 18 - Fabri

 

 

sabato, maggio 05, 2007

Oscar e la dama in rosa

Oscar è un bambino di appena dieci anni. Però è diverso da tutti i suoi coetanei: non può giocare, saltare, correre, andare a scuola perchè è afflitto da una leucemia fulminante che lo sta uccidendo, ma non può parlarne con i grandi perchè fanno finta di non saperlo. Solo Nonna Rosa, un 'anziana signora esuberante vestita di rosa con cui passa le sue giornate in ospedale, riesce a farlo divertire con la sua simpatia contagiante e capisce il suo desiderio di risposte a tanti punti interrogativi che si affollano nalla sua mente. Così gli propone un gioco: scrivere a Dio e vivere dieci anni ogni giorno. Iniziano le lettere a Dio in cui il bambino gli domanda dove viva, quanti anni abbia, se esista veramente e gli parla di sè, dei suoi amori, delle sue avventure, del rapporto speciale con Nonna Rosa e delle controversie con i suoi genitori che non riescono a parlargli della sua malattia e soprattutto a dirgli addio. E' solamente grazie a Nonna Rosa che Oscar riprenderà in mano il legame con i suoi e a vivere i suoi ultimi giorni confortato dall'affetto dei suoi cari e naturalmente da quello della sua formidabile amica che fino all'ultimo non piangerà mai davanti al piccolo, ma cercherà sempre di dargli forza e di fargli vivere al meglio e intensamente la sua breve vita.
Il bambino, addormentandosi per sempre, lascerà un biglietto sul suo comodino su cui scritto un messaggio:"Solo Dio ha il diritto di svegliarmi".
In poche pagine semplici e scorrevoli questo libro racchiude un grande significato che dà al lettore lo spunto per una propria riflessione interiore.

 

 

mercoledì, maggio 02, 2007

Inoki,il nuovo re dell'hip-hop italiano




Salve!In questo post vorrei parlare della nuova stella dell'hip-hop italiano:Inoki.Il ragazzo (il suo vero nome è Fabiano Ballarin) è stato indottrinato all'hip-hop nella città di Bologna dai migliori rapper di questa città.In seguito è stato notato,dopo aver costituito una sua crew(banda) chiamata "I New Kingz",dall'esperto e famoso rapper Bassi Maestro che gli ha fatto incidere la sua prima demo.Da questo momento Inoki è stato notato dalla scena italiana dell'hip-hop,facendosi conoscere tramite sfide freestyle e varie demo.In quest'anno ha pubblicato il suo ultimo album "Nobiltà di strada",collaborando con molti rapper come lo stesso Bassi Maestro,gli Assalti Frontali,G-Max(Flaminio Maphia) e i membri della sua crew(Tek Money e Lady T).Inoki non ha avuto un 'infanzia piacevole;come dice in alcune canzoni del disco suo padre non era un buon uomo ed è cresciuto da solo sulla strada.Ma da queste esperienze è riusciuto a creare il suo rap avvolgente.In passato Inoki ha collaborato con i migliori rapper d'Italia,come i Club Dogo e Fabri Fibra,ma anche con rapper di altre nazioni.Il primo singolo estratto dall'album è "Sentimento Reciproco" a mio avviso non una delle più orecchiabili;però consiglio agli appassionati,e non solo,di ascoltarealcuni singoli come "Free Pass","Nuovi Re parte II" e "Perdersi".Vi auguro un buon ascolto e un buon divertimento...
scusate se non ho trovato un'immagine del disco,ma questo è Inoki.

 

 

Sognare per mille e una notte

La mia lettura nell'ultimo mese si è concentrata su "Le mille e una notte". L'opera è composta da tre volumi: per ora ho letto solo il primo ma, essendo i mio giudizio positivo, penso di leggere al più presto anche gli altri due. Si potrebbe azzardare che la struttura di questo racconto è simile a quella del "Decameron" di Boccaccio. Infatti il pretesto di narrazione si dipana così: il sultano Shahriyar, tradito da una moglie, si vendica uccidendola e, tristemente diffidante nei confronti delle donne, ne sposa una ogni notte e la strangola prima dell'alba; questa strage si placa solo quando la giovane Sherazad, appena sposata dal crudele sovrano, col pretesto di intrattenere la sorella più piccola con dei racconti, incanta anche il sultano che le concede di proseguire la narrazione la notte successiva, allontanando così la morte. Tutto questo, appunto, per mille e una notte, poiché ogni racconto è interrotto a metà col sorgere del sole. Solo alla fine Shahriyar viene persuaso a smettere la sua malsana e mortale abitudine, e sposa la fanciulla (il finale lo so nonostante non abbia finito di leggere tutti i volumi ^_^'). Nelle avventure narrate dalle abili parole di Sherazad si parte da una storia iniziale che spesso ne contiene altre dalle più svariate lunghezze. La letture è molto piacevole e abbastanza scorrevole, le varie narrazioni trattengono, chi più chi meno, il lettore. Il tema delle storie a volte si ripete, anche se spesso questo capita fra quelle inglobate in un'unico racconto, costituendo una sorte di morale. Ci sono anche delle intere "frasi fatte" che vengono riutilizzate, in modo simile all'Iliade e all'Odissea di Omero, ma più di rado rispetto a questi (va ricordato che "Le mille e una notte" sono un isieme di storie arabe tramandate e successivamente raccolte intorno al 1100). In definitiva posso dire che è una lettura più che consigliata: l'unico rischio, che forse non ho marcato più di tanto in precedenza, si riscontra in un'eventuale monotonia nel caso in cui le storie non interessino molto a chi legge. Ma se gradite le raccolte di racconti, non posso che dire di provare a fare un viaggio spazio-temporale sognando per la durata di mille e una notte.

 

 

La lunga notte del dottor Galvan

Il dottor Galvan è un medico che lavora al pronto soccorso e cura i più svariati malori dei pazienti che si recano all'ospedale durante il turno di notte.
Galvan non ha una specializzazione in campo medico,ma preferisce curare diverse malattie e per questo lavora al pronto soccorso.
Il suo più grande sogno è di avere il suo biglietto da visita personale come gli altri dottori specializzati.
Una notte arriva al pronto soccorso un uomo che sembra soffrire ogni malattia ma in realtà fa solo finta e Galvan,quando lo scopre,si infuria con lui e gli tira un pugno sul naso,così deve abbandonare la sua carriera di medico promettente e trova lavoro come meccanico.
Questo libro,scritto da Pennac,è molto corto,(solo 60 pagine),ed è molto divertente,lo consiglio a tutti.

 

 

"La foresta dei pigmei" di Isabel Allende

Con "La foresta dei pigmei" Isabel Allende conclude la trilogia "Memorie di Aquila e Giaguaro". Questa volta Nadia e Alexander si trovano nel cuore della foresta africana per un safari. Il casuale incontro con un missionario che sta cercando dei suoi amici li avvia verso una nuova emozionante avventura. Si troveranno prigionieri in un piccolo villaggio dove un crudele comandante, un terribile re e un magico stregone tengono sottomessa la popolazione e hanno fatto schiavi i pigmei abituati a vivere da soli nella foresta. Con alcuni stratagemmi e l'aiuto di forze soprannaturali come gli spiriti degli antenati, riescono a sconfiggere il malvagio governo e a liberare i pigmei.
Sinceramente ho trovato questo libro piuttosto banale e in alcuni passi anche scontato, perche' molto simile per trama e caratteristiche ai precedenti due. In generale la storia è piuttosto divertente, anche se a volte non risulta molto coinvolgente.

 

 

finalmente spiderman...

ci siamo, finalmente dopo lunghi mesi di attesa è arrivato in italia spiderman 3. Molto stranamente è arrivato prima in europa che in america e i molti appassionati italiani di questo supereroe hanno di che gioire (vero FRa?). Il nuovo film mostra peter parker/spiderman in lotta contro tre diversi nemici: new goblin,il nemico/amico harry oscorpe trasformatosi in nemico dopo la scoperta che il padre norman oscorpe ucciso da spiderman era il goblin e che spiderman è peter parker; sandman l'uomo sabbia e venom una specie di secondo uomo ragno ma appartenente alla fazione dei cattivi. A questi tre fortissimi nemici si aggiunge il suo lato oscuro venuto alla luce grazie all'intervento di una misteriosa sostanza aliena che tinge di nero il costume di spidy. Considerando la spettacolarità del film, la storia inedita e il fatto che sia il film più costoso mai prodotto credo che mi convenga dire che vi conviene andare a vedere questo film. A quelli che hanno seguito o seguiranno il mio consiglio auguro buona visione, da miki è tutto, ciao.

Etichette:

 

 

Il paradiso degli orchi

Nel mese di Aprile ho letto il libro Il paradiso degli orchi, di Daniel Pennac. Fin dalle prime pagine il racconto si è rivelato ricco di avvenimenti e di situazioni particolari che però hanno un riscontro nella vita di tutti i giorni. Infatti il libro parla di un uomo, Benjamin Malaussène, che lavora in un grande magazzino come "capro espiatorio"; si occupa cioè di far finta di piangere o di disperarsi per un imminente licenziamento all' ufficio reclami del magazzino, in modo che la gente ritiri, impietosita, le proprie lamentele. In questo scenario piuttosto tranquillo un fatto rompe la quiete: l' esplosione di una bomba nel settore giocattoli. Qui emergono anche altri personaggi: le sorelle di Ben, Therese, Louna e Clara, il suo cane Julius, l'ispettore Rabdomant, Jeremy ed il Piccolo, "zia Julia", il direttore Sainclaire, Cazeneuve, Theo e... dei vecchietti.
In generale il libro è molto interessante, piacevole e divertente, anche se alcuni passaggi sono poco chiari. Comunque, dato che mi è piaciuto molto, leggerò anche gli altri libri della serie e consiglio di fare lo stesso a tutti coloro che stanno leggendo questo post.